Grottolella

Informazioni anagrafiche dell’Ente

Codice dell’ Ente: 4150080390
Numero di Circoscrizioni:
Frazioni Geografiche: 4
Dati Demografici
Fascia Demografica:03
Popolazione Censita al 1991 1.680
Popolazione Calcolata al 1996: 1.837
Nuclei Familiari: 577
Dati Topografici
Altimetria Max (m. sul mare):642
Altimetria Min (m. sul mare):279
Superfice Totale (Ha):712
Superfice Urbana (Ha):30
Km Strade Interne:4
Km Strade Esterne:14
Grottolella ha un’estensione territoriale di Kmq 7,12. L’altitudine media del centro è di 580 m s.l.m. con un’altezza massima di m 642 s.l.m. a Taverna del Monaco.
Grottolella confina ad Ovest con S.Angelo a Scala, a Sud-Ovest con Capriglia Irpina, a Nord con Altavilla, a Nord-Est con Montefredane ed a Sud con Avellino .
Il comune è costituito da quattro frazioni:
Pozzo del Sale distante dal capoluogo Km 4;
Tropeani Km 3,
Spinielli Km 2
Taverna Km l.
Esse sono situate sulla originaria direttrice Avellino-Benevento: Taverna del Monaco è sita su un altopiano che è il più alto dei territori della media Valle del Sabato a differenza di Pozzo del Sale che è una zona pianeggiante e va a congiungersi a valle con la piana di Pianodardine e quindi con 1’area continentale di Avellino. La distanza del comune da Avellino, con cui confina Pozzo del Sale, è di Km l0, la distanza da Napoli è di Km 64.
Morfologicamente l’area comunale è situata lungo una dorsale in direzio ne Nord-Sud sulla inedia Valle del Sabato e precisamente sulla Valle San Giulio. Tale territorio di media ed alta collina è solcato dal torrente San Giulio che confluisce nel fiume Sabato. Le linee di deflusso sono in direzione Est-Ovest, secondo due direttrici principali, defluenti ad Ovest nel vallone S, Angelo a Scala e ad Est nel fiume Sabato attraverso una serie di valloncelli.
Il paese comprende due nuclei urbani: uno molto antico che sorge proprio su uno dei colli della Valle San Giulio, intorno al Castello Carafa-Caracciolo di origine medievale. Oltre al Castello vi è anche la Chiesa Parrocchiale del XVIII Sec. Comunque si può ipotizzare che i primi insediamenti si siano avuti in contrada S.Bartolomeo arbelle
ciò è testimoniato dal ritrovamento di sepolcreti e di una villa rustica romana.
Il secondo nucleo si sviluppa, in prosieguo del primo, in direzione Est-Ovest a partire dal ‘700 e precisamente lungo via Umberto I e via Generale Fricchione, come testimoniano le date incise sui portali.
Il comune è raggiungibile attraverso la S.S. 88 di origine ottocentesca, situata proprio nella Valle San Giulio, direttrice principale per i collegamenti tra Avellino – Benevento.
Il territorio, geologicamente, è costituito da un banco di argille marnose frammiste a sabbia e a tratti a banchi di breccia e puddinghe. A copertura di questa formazione c’è una coltre discontinua piroclasti ca più spessa nelle zone basse del territorio comunale per l’alternarsi di fenomeni vulcanici e successive azioni dilevanti delle acque superfi­ciali. La zona è caratterizzata da un clima subcontinentale e dalla presenza di molte sorgenti: Fiestole, Tremasulo, acque sulfuree,Pozzo del Sale, sorgenti salso-iodiche e la sorgente dei Tronti,dove vi è ancora oggi un antico mulino.
L’economia del paese è basata principalmente sull’agricoltura, le risorse sono: mele, vino, grano e nocciuole.